©Mumbel Associazione Culturale - Montebello della Battaglia - PV - P.iva 02355000189 - info@mumbel.it
HOME PAGEASSOCIAZIONESTORIAOSPITALITA'TERRITORIOARTE&CULTURA
SOSTENITORI
Torna alla pagina precedente
Monumento Commemorativo Prima Guerra Mondiale
MONUMENTO AI CADUTI GRANDE GUERRA 1915/1918

STORIA DI UN OPERA TRAVAGLIATA

Negli anni venti a Montebello, come in tutti i paesi d’Italia, si vollero celebrare e ricordare i caduti nella Grande Guerra Mondiale 1915/18. Si piantumò e rinominò la strada che saliva verso l’alto paese, posta in fregio al Monumento/Ossario ricordante la battaglia del 1859, con VIALE DELLE RIMEMBRANZE, inoltre furono collocate presso ciascun albero (Tigli) una targhetta in bronzo sostenuta da stelo in ferro.
Il marchese Gianni Lomellini (la notizie e i documenti storici sono stati forniti dal sig. Giampietro Scaglia), allora sindaco del paese volle fare erigere un monumento commemorativo, a tal fine affidò la progettazione al barone ing. Giuseppe Bugatti-Valsecchi.
L’opera è sicuramente originale, senza la retorica della vittoria militare, presente nei vari monumenti celebrativi dell’epoca, di linee semplici e gradevoli, costituito da un basamento, riportante il nome dei caduti, in pietra serena e sormontato da due colonne e capitelli sormontati da trave di diorite grigia, ultimato da croce e puntale in ghisa. Fu posizionato nella piazza della chiesa Parrocchiale ed inaugurato il 27 giugno 1920, durante la cerimonia fu oggetto di aspra contestazione organizzata da gruppi di soci-anarchici (così come si legge nella copia del giornale, qui allegato).
Nell’anno 1959, in occasione del centenario della Battaglia di Montebello, fu spostato nell’ampliato parco circostante al monumento ossario denominato “Bella Italia”.
All’inizio degli anni sessanta, per volontà, della maestra Irma Cassinera, i ragazzi della scuola elementare rappresentarono recite e scritti, il cui ricavato fu devoluto per l’istallazione di lampada elettrica votiva; alcuni anni dopo a cura dell’Amministrazione Comunale, furono posati due mortai, attualmente sono in pessimo stato di conservazione.
Nella notte tra il 17 ed il 18 novembre 1990, ignoti trafugarono le due colonne di diorite grigia e causarono notevoli danni al monumento, furono danneggiate la croce, il puntale ed il basamento in ghisa superiore oltre alle lapidi contenenti il nome dei caduti.

Monumento Caduti Guerra 1915-1918
posizione originale
Piazzale della Chiesa
Fotografia dei disordini avenuti all' inaugurazione del 1920