La Parrocchia di Genestrello
Cenni storici La Chiesa di Genestrello, dedicata alla Madonna di Loreto, è stata costruita in seguito ad alcuni eventi miracolosi, avvenuti in quel luogo. Nel 1200 il Comune era autonomo, ma la Parrocchia apparteneva a Montebello. I residenti a quel tempo erano circa 50 persone, che abitavano in casette coloniche dette “da brazzanti”, alle dipendenze del feudatario. Il villaggio era sorto già parecchi secoli prima attorno ad una torre di avvistamento, sempre di proprietà dei Lunati, che serviva per controllare l’importantissima strada “Romera” (torre esistente fino al 1500). In basso, confinante con questa strada, ve ne era un’ altra che saliva fino al Palazzo o Castello (così veniva chiamato a quei tempi). All’imbocco di questa strada vi erano due pilastri, dove un pittore, tale Domenico Bonvicini, dipinse su di essi rispettivamente l’immagine della Madonna Lauterana e di San Francesco. Poco tempo dopo, di fronte all’immagine della Vergine avvennero numerosi eventi miracolosi, tra cui 20 presunte guarigioni: nomi e cognomi e le patologia dei “miracolati” sono conservati nell’Archivio di Stato di Milano. Successivamente, nel 1608 il Signor Cosimo Lunati fece costruire, annesso al Palazzo, un oratorio, e fece anche erigere una piccola cappella, dove all’interno si trovava il pilastro miracoloso. Ingaggiò così un cappellano detto “mercenario” per potervi celebrare la Messa. Questo contrastava però con le norme ecclesiastiche allora vigenti, in quanto Genestrello apparteneva alla giurisdizione parrocchiale di Montebello e spettava pertanto ai frati Gerolamini dare questa autorizzazione. Allora il Priore del Monastero di Montebello (Padre Nazario Sassi), il parroco ed il sig. Cosimo Lunati, alla presenza del Vescovo della Diocesi di Piacenza (alla quale la Parrocchia apparteneva) stabilirono un patto per dirimere la controversia. Ma gli avvenimenti andarono in una direzione diversa da quella preventivata tanto che nel 1625 il Signor Lunati si rivolse direttamente al Vescovo di Piacenza ed al Generale dell’Ordine dei Gerolamini chiedendo l’autorizzazione per dar vita ad una parrocchia autonoma a Genestrello impegnandosi personalmente al sostentamento della stessa. La richiesta venne accolta, vennero stipulati nuovi patti, e nacque così la Parrocchia di Genestrello sottraendo parte di territorio a quella di Montebello. L’anno seguente Cosimo Lunati decise di ingrandire la cappella, decisione condizionata dal fatto che la costruzione già mostrava numerosi segni di cedimento, dovuti al terreno ricco d’acqua. Nonostante la recente costruzione la Chiesa necessitava di parecchie riparazioni, così il Signor Lunati richiamò l’ impresario Antonio de Melchioni (ticinese di Meride , presso Lugano) già impegnato nei lavori di ricostruzione del duomo di Voghera e gli commissionò l’edificazione della parte centrale e frontale della nuova parte di Chiesa. Il progetto fu opera di un ingegnere di Pavia: il signor Giovanni Domenico Lobia. Nel 1627 si conclusero i lavori e l’edificio assunse le sembianze attuali. Nel 1677 poi l’immagine della Madonna dipinta sul pilastro venne sostituita da una statua in marmo bianco acquistata grazie alle offerte dei tanti devoti. La chiesa, per il fatto di essere stata costruita su un terreno ricco di acqua ha richiesto negli anni ripetute riparazioni in quanto l’umidità risalente corrodeva gli intonaci. Nel 1826 il Marchese Antonio Lunati (ultimo nobile della casata) finanziò i lavori di restauro in particolare di imbiancatura e stuccatura dei due altari allora esistenti. Originariamente il campanile era sopra la sacrestia e vi si accedeva dal piano superiore della canonica. Nel 1848 esso fu ricostruito dall’altro lato della chiesa (dove si trova attualmente). Essendo però piuttosto basso il Parroco don Antonio Maiocchi lo fece alzare dotandolo anche della terza campana (utilizzando quella che si trovava a Montebello sull’Oratorio del Marchese Bellisomi). Nel 1933 sempre il Parroco don Maiocchi commissionò importanti lavori di restauro quali il rifacimento del tetto, del cornicione e degli intonaci. Inoltre furono chiamati per affrescare parte dell’interno i pittori Michele Frana di Gandino (Bg) ed il prof. Mario Maserati. Altri importanti restauri furono quelli degli anni ’50 e soprattutto ’60 in cui il Parroco Don Bruno Rolandi fece rifare il pavimento oltre ad alcuni affreschi e fece costruire l’artistico portichetto sorretto da due colonne di granito a fregio dell’ingresso laterale. I fondi per questi lavori furono recuperati dalla generosità della famiglia dell’ing. Adolfo Mazza. Purtroppo la Chiesa subì anche notevoli danni causati dal passaggio di numerosi eserciti, tra cui quello napoleonico che la saccheggiò e distrusse i registri parrocchiali dell’archivio. Anche durante la battaglia del xx maggio 1859 parecchie palle di cannone del’artiglieria austriaca finirono sul tetto e sul fianco sinistro dell’edificio. Infine è opportuno ricordare che vi sono cenni storici di una chiesa più antica di ben quattro secoli rispetto all’attuale. Da quanto emerso in un libro dei “censi” (liber Censorum) compilato nel 1192 da Cencio Savelli (futuro Papa Onorio III) tale costruzione doveva essere posizionata a Genestrello lungo la strada Romea ed era dedicata a San Marco. Di tale costruzione se ne sono poi perse le tracce.


Tratto da scritti di Gian Pietro Scaglia
Il Parroco
Il Parroco è Don Luciano Faravelli, nato a Casteggio il 15 aprile 1929 figlio di Costantino e Maria Felicita Rebuffi. Ordinato sacerdote il 4 luglio 1954, curato a Sarezzano e a Ponte Curone, diviene, poi, parroco a Pregola dal 1957 al 1973 anno in cui arriva a Montebello dopo la morte di Don Antonio Fiocchi. Nel 1994 gli viene affidata anche la Parrocchia di Genestrello a seguito della scomparsa di Don Bruno Rolandi ultimo sacerdote residente nella frazione. Tutt’ oggi continua con grande dedizione la sua missione di guida spirituale del paese gestendo le parrocchie di Montebello e Genestrello.
In particolare ogni domenica mattina alle ore 10:00 celebra la Messa
nella piccola e suggestiva chiesa di Genestrello.
Un ricordo particolare: Don Bruno Rolandi
Parlando di Genestrello ed in particolare della Parrocchia il ricordo di molti, montebellesi e non, corre in fretta a Don Bruno Rolandi ultimo sacerdote residente nella piccola frazione che, con il suo apostolato (nella seconda metà del ‘900), ha indissolubilmente legato il suo nome a quello di Genestrello. Don Bruno nacque nel 1926 a Montesegale in valle Ardivestra. Entrato da ragazzo nel seminario di Stazzano, compì successivamente gli studi liceali e teologici a Tortona, nella cui cattedrale fu ordinato sacerdote il 24 giugno 1951 dall’allora Arcivescovo Egisto Domenico Melchiorri. Dopo un breve periodo, trascorso in qualità di curato, presso la parrocchia di Montesegale fu inviato dal Vescovo a Torricella Verzate dove rimase fino al 1957 data in cui gli venne assegnata la parrocchia di Genestrello. Qui vi rimase fino alle fine di suoi giorni; morì infatti il 31 dicembre 1994. Dotato di grande e profonda umanità, persona semplice e riservata, Don Bruno amava la sua gente, la sua famiglia, la sua Chiesa che contribuì ad abbellire con importanti lavori di restauro. Tutti ricordano ancora oggi la sua grande semplicità che faceva del parroco un amico sincero di tutti i parrocchiani dai più giovani ai più anziani. È, e rimarrà sempre, come esempio, nel cuore di tutti quelli che hanno avuto la fortuna di conoscerlo e di quanti ne hanno solo sentito parlare.
Torna alla pagina precedente
©Mumbel Associazione Culturale
Montebello della Battaglia - PV
P.iva 02355000189
info@mumbel.it
Seguici su: